TDR C11. TOSCANA – BASILICATA 2-0: AMAREZZA NEL RECUPERO PER GLI ALLIEVI

di Redazione TuttoPotenza
Fonte: FIGC Basilicata
Vedi letture
Foto

TOSCANA – BASILICATA 2-0 (0-0)

 

TOSCANA: Ombra, Amato (1’st Stauciuc), Bonifazi (8’st Fantoni), Ciurli (1’st Carcani), Frateschi (24’st R. Giannini), Gaddini, Marconi, Muccioli (43’st Camarlinghi), Oriti (29’st Corsi), Patti (29’st Querci), Salucci. All.: Mannelli. A disp.: T. Giannini.

 

BASILICATA: Carretta, Damiano (18’st Orsi), Gioiello (40’st Giganti), Grib, Lika, Mattatelli, Mazzone, Pace, Peluso, Plasmati (11’st Rago), Sessa (30’st Briglia). All.: La Capra. A disp.: Donnaianna, Kurti, Leone, Remollino.

 

Arbitro: Alessia Spampinato di Ciampino

 

Reti: 41’st, 45’st Stauciuc (T)

 

Note: ammoniti Sessa (B), R. Giannini (T), Carretta (B). Angoli 2-3, recupero 1’pt, 6’st

 

FRASCATI (Roma) – Zero punti, tanto rammarico. Zero gol fatti, sei gol subiti. E’ questo il bilancio della Rappresentativa Allievi di Basilicata che anche contro la Toscana esce dal campo con l’amaro sapore della sconfitta, una sconfitta arrivata al termine di una partita giocata a viso aperto, nonostante la qualificazione fosse almeno dalla seconda giornata questione riservata ad altri. Una sconfitta arrivata con due gol in pieno recupero fino a quando è caduto il muro eretto splendidamente da Carretta e infranto dai colpi di uno scatenato Stauciuc, arma letale toscana entrato ad inizio ripresa. La Basilicata sa tenere il campo, crea, ma distrugge anche quanto fa di buono e deve inchinarsi ancora una volta come accaduto con l’Umbria e con Trento, che vince il girone e porta con sé ai quarti anche i toscani, tra le migliori squadre seconde classificate. La partita entra subito nel vivo, i toscani devono vincere per qualificarsi e già al 1’ ci provano con Frateschi. Ma la Basilicata è pronta a vendere cara la pelle e al 6’ si propone con Sessa che porta palla, elude due avversari ed entra in area dove fa partire un passaggio per Grib che dal limite spara alto. Ancora Sessa protagonista al 9’ quando entra in area e salta due avversari ma il suo cross al centro non trova nessun lucano pronto a ribadire in gol. La Toscana allenta la pressione al 14’ con un tiro dal limite di Gaddini di poco fuori ma sono ancora i lucani a proporsi al 16’ col solito Sessa che porta palla entra in area e cade tra le proteste lucane per un rigore non concesso. E’ Sessa il lucano più pericoloso e un suo tiro al 23’ termina di poco fuori. La Toscana intuisce il pericolo e preme sull’acceleratore: al 29’ Amato di testa sfiora il gol mentre al 33’ è Patti a calciare in porta a botta sicura ma trova il corpo di Lika che si immola e respinge il pericolo. Al rientro in campo dopo la pausa toscani subito in pressione con un cross del neo entrato Stauciuc per Bonifazi che trova un Carretta sontuoso tra lui e il suo gol di testa e sempre il portiere lucano del Lavello dice no al colpo di testa di Stauciuc al 12’. Ma il gol lo avvicina di molto anche la Basilicata al 13’ quando Sessa si produce in una serie di dribbling trovando poi il cross per Gioiello che sbilanciato riesce a calciare ma non a trafiggere Ombra. La Basilicata c’è e si propone ancora al 15’: il solito Sessa addomestica di petto una palla vagante in area, l’appoggio e per Grib che batte a rete ma spara alto. Le sortite lucane mettono pressione agli uomini di Mannelli che reagiscono al 17’ con una doppia conclusione di Frateschi e Patti su cui Carretta ancora una volta cala la saracinesca in modo provvidenziale. L’asse toscano composto dal cross di Muccioli e il colpo di testa di Stauciuc per poco con fa capitolare la Basilicata che invece va vicina al vantaggio al 25’. Gioiello si propone con una sgroppata nella metà campo avversaria e tira ma senza esito, sulla prosecuzione dell’azione è Sessa che in area batte a rete ma a portiere battuto ci pensa Salucci a salvare sulla linea. La Toscana deve vincere per sperare e al 30’ e 37’ ci prova con Gaddini ma c’è sempre Carretta dire di no. Gli uomini di mister La Capra mettono fuori il muso in area avversaria e una bella sgroppata a tutto campo di Briglia si risolve in un cross per Pace che però non riesce ad assestare il gol vincente. La Toscana al 40’ sfiora il gol con Fantoni su cui Carretta da distanza ravvicinata si oppone ma nulla può in pieno recupero sugli spunti vincenti di Stauciuc che stende ogni velleità lucana e rimanda i ragazzi lucani a casa con zero punti.

 

A fine partita mister La Capra commenta la gara con la Toscana: “Purtroppo – dice il tecnico – ancora una volta usciamo dal campo con nulla in mano. Abbiamo tenuto testa a una squadra che ha fatto la partita, che ha qualità, che doveva qualificarsi. Siamo stati bravi perché abbiamo lottato ma ancora una volta veniamo puniti oltre ogni ragionevole nostro demerito. Purtroppo credo che il nostro torneo sia stato compromesso dalla gara sfortunata contro l’Umbria alla prima giornata. Da lì i miei ragazzi non sono riusciti ad eliminare le scorie per una vittoria che si è tramutata in una sconfitta. Ma abbiamo reagito in questa occasione mentre contro Trento non lo avevamo fatto. Lasciamo il TdR con tanta amarezza perché non era questo il torneo che volevamo condurre ma tant’è il campo ha detto altro e noi dobbiamo imparare da questa esperienza. Siamo sulla buona strada ma dobbiamo imparare a chiudere le partite dopo aver dimostrato di saperle costruire”.